Tutto quello che volevi sapere sul soffitto della Cappella Sistina

Nel novembre 1512 fu presentato il magnifico soffitto della Cappella Sistina a Roma. Dipinto da un giovane scultore, Michelangelo è diventato uno dei capolavori più eleganti del Rinascimento italiano, con oltre cinque milioni di turisti che lo visitano ogni anno.

Michelangelo non voleva avere nulla a che fare con il soffitto della Cappella Sistina

Nel 1508, il trentenne Michelangelo lavorò duramente alla costruzione della tomba in marmo di Papa Giulio II, il cui pezzo relativamente vago è ora nella chiesa di Vignola. Quando è stato chiesto di cambiare lavoro e dipingere il soffitto della Cappella Sistina, Michelangelo non era entusiasta. In primo luogo, perché si considerava un scultore  non un pittore, e non aveva esperienza con gli affreschi. Voleva anche finire la tomba, anche quando i fondi per la sua creazione furono ridotti. Alla fine, Michelangelo accettò la commissione e trascorse quattro anni su un’impalcatura con i pennelli in mano. Nei decenni successivi, di tanto in tanto continuò a lavorare sulla tomba di Giuliano.

Contrariamente alla credenza popolare, Michelangelo dipinse la Cappella Sistina nella posizione in piedi

La maggior parte della gente pensava che fosse sdraiato mentre dipingeva la Cappella Sistina. Il fatto è che l’artista ei suoi assistenti hanno usato impalcatura di legno che hanno permesso Michelangelo di stare in piedi e dipingere i pezzi sopra la testa. Lo stesso Michelangelo progettò un sistema di piattaforme unico, che era legato a muro.

Il lavoro sulla Cappella Sistina era così spiacevole che Michelangelo scrisse un poema sulla sua miseria

Nel 1509, Michelangelo scrisse al suo amico Giovanni da Pistoia che quell lavoro era un sgradevole sforzo fisico durante il suo lavoro nella Cappella Sistina.  “Ho già soffocato su questa tortura”, ha scritto ironicamente in un poema. Continuava a lamentarsi del fatto che “il suo stomaco era schiacciato sotto la sua barba”, che la sua “faccia era il pavimento ideale per la tintura”, che la sua “pelle era sciolta sotto di lui” e che la sua “spina dorsale era nei nodi piegati”. Concluse che non doveva cambiare il suo lavoro quotidiano: “Non sono nel posto giusto – non sono un pittore”.

Il capolavoro di Michelangelo si dimostrò molto resistente

Il vivido soffitto della Cappella Sistina è estremamente ben conservato per cinque secoli dal suo completamento. Manca solo una piccola parte: una parte del cielo nel pannello che mostra la fuga di Noè dalla grande alluvione biblica. La parte di gesso cadde sul pavimento e crollò durante l’esplosione del 1797. Nonostante l’apparente forza del soffitto, gli esperti temono un gran numero di visitatori, che rappresentano una seria minaccia perché sono noncuranti.

La Cappella Sistina di Michelangelo fu raffinata e rimossa negli anni ’80 e ’90

Tra il 1980 e il 1999, gli esperti hanno rinnovato la Cappella Sistina, compresi i Soffitti di Michelangelo e il famoso affresco noto come “Il Giudizio universale”, che ha dipinto nei suoi ultimi anni. Gli specialisti hanno sciolto con cura strati di fuliggine e depositi, illuminando così i colori di dipinti vecchi di secoli.

Author: Federico