La breve storia del teatro

Quando prendiamo in considerazione le radici storiche del teatro, si pensa spesso di andare direttamente all’antica Grecia e ai suoi anfiteatri dove sarebbe il primo teatro registrato in Europa nel 600 a.C., ma bisogna prima tornare quasi 8000 anni indietro e prendere in considerazione la danza tribale e i rituali religiosi. Il teatro, a seconda di come lo si definisce, va di pari passo con la società in quanto è sempre stata una parte della vita da esprimersi in un modo o altro.

Prima produzione drammatica registrata (1887 aC)

La prima produzione drammatica mai registrata è la Passione egiziana che celebra il re mitico e divino Osiride. Lo spettacolo è stato tenuto ogni anno per diversi secoli e raffigura le lotte e i trionfi del re e dio egiziano. Come hanno affermato gli storici greci, era così realistico che alcuni attori morivano di conseguenza dalla gravità delle loro ferite.

Teatro Greco (600 aC-400 aC)

La prima forma registrata di teatro europeo è stata nell’antica Grecia intorno al 600 a.C. come una festa religiosa per onorare Dioniso, il dio del vino e della fertilità. È stato detto che un poeta di nome Thespis vinse una drammatica competizione teatrale al festival ed è considerato il primo attore. Ha anche introdotto l’uso di maschere nel teatro greco. Le maschere sono state progettate per mostrare l’età e le emozioni. Le donne non potevano partecipare, quindi gli uomini indossavano maschere femminili e recitavano le loro parti. Nel teatro greco, la tragedia è il tipo di gioco più ammirato.

L’inizio della commedia greca (500 aC)

Una competizione comica annuale ha avuto luogo ad Atene nel 486 aC. Sfortunatamente, è stata salvata solo un’opera d’autore di una commedia, ovvero Aristofane: un genio della commedia che ha vinto il premio molte volte. Ha satirizzato i difetti di carattere di base mentre metteva i personaggi in un contesto ridicolo. Un buon esempio di un gioco del genere è “The Frogs”, che è stato scritto principalmente per satirizzare Euripide.

Anche i romani (300 aC) erano ispirati al teatro greco. Hanno scritto opere greche in latino e commedie preferite. Le rappresentazioni romane si svolgevano come parte di giochi romani che erano essenzialmente una festa del raccolto. Da loro, gli schiavi servivano come attori per il pubblico che frequentava i combattimenti di gladiatori ed esecuzioni pubbliche. I giochi sono stati pieni di violenza e umorismo crudele. Alla fine, I cristiani hanno chiuso tutti i teatri.

Teatro rinascimentale (1300-1600 d.C.)

Dopo il Teatro medievale (500 – 1200 d.C.), nel periodo del Rinascimento, dal XIV al XVII secolo, tornò un interesse per l’arte, la cultura e il teatro greco e romano. In Inghilterra, la regina Elisabetta I sostenne fortemente il teatro. Durante quel periodo, come è noto, il più famoso drammaturgo della storia ha iniziato la sua carriera. Nato nel 1564, William Shakespeare è stato un attore e poeta, che ha scritto opere come “Romeo e Giulietta”, “Amleto” e “Sogno d’una notte di mezza estate”, che sono studiate e rappresentate anche oggigiorno in tutto il mondo.

 

Author: Federico