Il Teatro dell’Assurdo Europeo

Il Teatro Assurdo non è il termine di un significato strettamente definito, ma, è un’ipotesi critico-letteraria di tendenze nell’arte drammatica degli anni Cinquanta e Sessanta del XX secolo. Questo termine in letteratura è stato introdotto da un produttore inglese, drammaturgo, giornalista, traduttore e critico Martin Esslin. I più famosi Beckett, Ionesco, Adamov, Arrabal e il resto dei drammaturghi dell’assurdità degli anni Cinquanta e Sessanta, che hanno creato a Parigi provengono da diversi ambienti culturali: Irlanda, Romania, Russia, Spagna, Francia.

Caratteristiche del teatro dell’assurdo nelle opere

Nel dramma dell’assurdo non ci sono personaggi e pensieri. Non c’è trama logica o caratterizzazione dei personaggi nel senso comune, ei personaggi mancano della caratteristica di motivazione di un dramma realistico, quindi tutto diventa privo di significato.

Ionesca dice che “banale” non è sorprendente, e questo è confermato dalla storia della creazione del suo dramma “La cantatrice calva”. Non c’è una vera azione nel dramma, ma il processo di devastazione di parole prive di significato, ei personaggi si comportano come robot che si confondono da l’un l’altro enumerando frasi assurde.

Camus e la filosofia dell’assurdo

Albert Camus, scrittore, esistenzialista e filosofo del teatro assurdo, non accettò mai il ruolo del filosofo, né esistenzialista. In un’intervista del 1951, ma affermò che Il mito di Sisifo in realtà era concepito come un osservazione ai cosiddetti esistenzialisti, tuttavia questo è diventato una sorta di “manifesto” nuovi drammi esistenziali e teatro dell’assurdo.

Teatro dell’assurdo in Europa orientale

Teatro dell’assurdo non è mai stato socialmente e politicamente impegnato, e come tale si oppone al teatro epico di Bertrand Brecht. L’ironia della cultura teatrale moderna è esattamente ciò che il teatro di assurdità “non politico” di Beckett e Ionesco in alcuni paesi dell’Europa orientale ha fornito un modello di un teatro fortemente politicamente ostile.

A metà del XX secolo, lo sviluppo libero del teatro assurdo nell’Europa orientale rimase limitato a due paesi dell’Europa orientale, cioè la Polonia e la Cecoslovacchia. In Ungheria, la censura era ancora forte, il che probabilmente rendeva impossibile al teatro a sviluppare.

Polonia e assurdo

Il Teatro Polacco ha una tradizione eccezionalmente forte, risalente all’epoca del romanticismo, ma negli anni del dopoguerra e affermata a livello mondiale, in particolare da Jerzy Grotowski e Tadeusz Kantor. Il problema del teatro dell’assurdo è legata alla discussione letteraria, perché hanno rifiutato di accettare l’etichetta di “drammaturghi dell’assurdo”.

Ungheria e assurdo

Il dramma dell’assurdo sulla scena ungherese arriva alla fine degli anni sessanta,  quando quest’onda avanguardista nell’Europa occidentale ha già perso la sua intensità iniziale. Tuttavia, il nome del teatro assurdo non si è mai stabilito nella critica letteraria degli ungheresi, che nella loro stessa letteratura preferivano usare il sintagma di un dramma grottesco.

I nomi più importanti della letteratura drammatica assurda ungherese, István Örkény e Miklós Mészöly, e Görgey I Eörsi.

 

Author: Federico