Arte vs Sport – La società valorizza lo sport più che l’arte?

L’arte e lo sport sono parte integrante della cultura di tutte le nazioni. Inoltre, occupano un posto significativo nella vita dell’uomo. Dalla loro creazione al presente, sono saldamente interconnessi. Creatività, estetica e creatività sono presenti in entrambi questi segmenti culturali. Gli atleti e gli eventi sportivi hanno ispirato molti artisti che ci hanno lasciato grandi capolavori in tutte le aree artistiche (scultura, architettura, pittura, poesia, letteratura, film, danza, musica e altri). Poeti e scrittori ci hanno lasciato canzoni e testi meravigliosi su competizioni sportive e atleti. Gli architetti hanno realizzato magnifici impianti sportivi, i pittori hanno dipinto bellissimi dipinti, gli scultori hanno fatto bellissime figure di atleti famosi, i registi hanno diretto e registrato un gran numero di film dedicati agli atleti e ai loro successi e insuccessi.

L’arte è una delle forme di cultura in cui è dominante creatività estetica (piacevole) che si concentra sui sensi umani a provocare le reazioni e comportamenti emotivi, affettivi e intellettuali. Lo sport è anche parte integrante della cultura, e creatività e estetica sono presenti in entrambi i settori.

Questi due segmenti, dal suo inizio ad oggi, sono interconnessi e collegati da connessioni solide. Sono, allo stesso tempo, sia personali che collettivi. Hanno le caratteristiche nazionali e allo stesso tempo sono internazionali, accessibili e comprensibili a tutte le persone nel mondo. L’arte, come lo sport, è parte integrante e fondamentale della vita umana.

È vero che la società valorizza lo sport più delle arti?

Oggi, avere successo per molti significa avere i soldi. Come la ricerca ha dimostrato, la possibilità di successo è legata allo stesso modo all’arte e allo sport. La popolarità degli artisti, (i cosiddetti musicisti e cantanti) è misurata solo dalla musica “attualmente” popolare, e i suggerimenti ci danno starlette da una varietà di programmi di realtà. Idoli di tutte le ragazze sono cantanti e ragazzi sognano di diventare calciatori.

Oggigiorno,  l’onestà come valore per un altro è molto vulnerabile. In tali circostanze, l’onestà si lega alla rapida ricerca dell’obiettivo, che è guadagnare, fare profitto ed espellendo dei concorrenti sia nello sport che nell’arte.

Inoltre, per raggiungere il successo, non è male mostrarsi falsamente (ad esempio, nella musica), promettere più di quanto puoi o ingannare la concorrenza (ad esempio nello sport) e raggiungere tuo l’obiettivo.

Un tale atteggiamento sociale di valore è contrario all’educazione familiare tradizionale e ai valori culturali. Ecco perché  l’arte, la cultura tradizionale e lo sport, oggi sono molto a rischio. L’onestà o dare a qualcun altro l’opportunità di esprimere i propri valori e quindi di superarci, non corrisponde allo spirito dei tempi e quindi tutti perdono il loro posto nella scala dei valori desiderabili. L’atteggiamento nei confronti dei poveri artisti reali è svantaggioso, perché la cecità ai risultati materiali rende le persone superficiali.

La tesi che il lavoro ha creato l’uomo, oggi suona come uno scherzo, perché gli esseri umani sono dominati da edonismo e desiderio per raggiungere rapidamente il successo. E mentre alcuni artisti o atleti cercano di vivere rispettando i valori dell’amicizia e del “fair play”, gli altri stanno dimenticando quelle cose di vitale importanza e sono nel perseguimento di valori materiali.

Tutto ciò si riflette sulla filosofia generale e sui codici di vita. Al momento, non puoi sapere cosa influenza la formazione di un sistema di valori nell’arte o nello sport, e non si può sapere affatto se è possibile mostrare alla gente il vero valore della vita.

 

Author: Federico